Quale detergente usare per la pulizia della piscina

pulizia ordinaria piscina

Le incrostazioni sono davvero antiestetiche da vedere in una piscina. Quando compaiono sul rivestimento interno, sul bordo vasca e sulle piastrelle dell’area solarium, danno subito un’aria trascurata all’impianto. Ma la cosa peggiore delle incrostazioni è che minano la sicurezza e l’igiene della struttura. Da una parte, infatti, i depositi sono scivolosi e rendono sdrucciolevole il pavimento su cui si cammina, dall’altra sono una delle prime cause di intorpidimento dell’acqua. Ecco perché devi provvedere a rimuoverle in fretta, prima che sia troppo tardi.

Come si eliminano le incrostazioni?

La scelta del detergente non è casuale ma dipende dalla tipologia di deposito, organico o calcareo, ecco qui qualche consiglio su come è meglio procedere:

  • Depositi calcarei sulle pareti e sul fondo vasca

In questo caso, le incrostazioni sono dovute ad un’eccessiva durezza dell’acqua. Se ormai la situazione è troppo grave e i depositi sono sparsi su tutta la superficie, allora l’unica soluzione è svuotare la struttura e procedere con la pulizia manuale. Per questo lavoro, munisciti di stivali, guanti di gomma e spazzolone, versa dell’anticalcare in una bacinella e strofina con vigore pareti e fondo. Non lasciare trascorrere troppo tempo da quando svuoti l’impianto a quando inizi la pulizia, onde evitare che i depositi asciugandosi si secchino. Lascia agire per 10 minuti prima di sciacquare abbondantemente e scaricare l’acqua attraverso la pompa sommersa.

  • Depositi calcarei solo sulla battigia

Si mostrano come un velo biancastro a pelo dell’acqua. In questo caso basta abbassare il livello della vasca e strofinare la porzione di rivestimento interno con del prodotto anticalcare, sempre muniti di guanti. Lascia agire per 10 minuti e procedi a risciacquare. Se non sei soddisfatto ripeti l’operazione finché non elimini ogni residuo di sporcizia.

  • Depositi neri di natura organica che si accumulano sulla battigia

Sono leggeri e per questo galleggiano sulla superficie e si accumulano lungo il bordo vasca. Di solito sono formati da materiali oleosi, tracce di smog e sporcizia organica varia. Per eliminarli ti serve un detergente alcalino. Anche in questo caso, siccome sono presenti solo sul pelo dell’acqua, ti basterà abbassarne il livello di qualche centimetro e poi sfregare con l’aiuto di una spugna e tanto olio di gomito. Non dimenticarti mai di indossare i guanti!

Infine, è sempre utile una disinfezione più approfondita con un trattamento d’urto per eliminare ogni traccia di batterio. Usa un disinfettante efficace come Euroclor 56 o Surchlor 60. Ricordati di leggere le istruzioni riportate sulla confezione e di lasciare acceso l’impianto di filtrazione per 24 ore dopo aver versato il prodotto. Se hai bisogno di un aiuto dai un’occhiata ai nostri servizi.